Che differenza c’è tra le lenti monofocali e quelle progressive?

Scegliere un occhiale non dipende solo dalla scelta della montatura, che deve adattarsi alla morfologia del nostro viso, essere esteticamente piacevoli e, perché no, dare un tocco di personalità al nostro aspetto. Ma al di là della montatura, alla base della scelta di un occhiale bisogna anche comprendere di quale tipo di lente ci sia bisogno per correggere il deficit visivo. In questo articolo verrà spiegata la differenza della lente monolocale e di quella progressiva e come scegliere la lente giusta alle proprie necessità.

Le lenti monofocali sono quelle più semplici, caratterizzate da un solo potere diottrico e servono a correggere un solo difetto della vista come miopia, ipermetropia, astigmatismo. Permettono al soggetto affetto da un difetto della vista di poter vedere nitidamente e di colmare il proprio deficit visivo: dal momento che il problema di vista è solo uno, non c’è alcuna necessità di utilizzare una lente mista, ovvero funzionale a correggere più difetti contemporaneamente.

Quando invece i difetti da correggere sono più d’uno, esistono due possibilità: dotarsi di un occhiale per ogni tipo di difetto, da cambiare e utilizzare in diversi contesti, a seconda della distanza focale) o utilizzare una lente multifocale progressiva, evoluzione delle vecchie lenti bifocali di una volta.

Per chi fatica a vedere da vicino e cerca anche una lente che corregga la miopia, o l’ipermetropia, o l’astigmatismo, la lente progressiva o multifocale risulta essere la soluzione ideale. Essa permette alla persona di poter vedere da tutte le distanze (che sia il romanzo che sta leggendo o una barca all’orizzonte) senza interruzioni. Infatti, nella parte superiore della lente multifocale, si trova un’area che permette di vedere da lontano, mentre nella parte intermedia/inferiore si trova l’area che permette di vedere nitidamente da media distanza e da vicino. 

Gli occhiali progressivi sono consigliati a soggetti con più di 40 anni, età nella quale inizia a verificarsi uno dei difetti più usuali dopo una certa età: la presbiopia. Tale difetto consiste nella difficoltà del cristallino di permettere una visione nitida da vicino, a causa della perdita di elasticità. La lente progressiva è l’ideale anche per chi passa molto tempo al lavoro al pc, o per chi svolge diversi hobby e ha quindi bisogno di una lente che permetta di vedere con continuità.

Diversamente dalle lenti bifocali, una volta molto comuni e che tutti avremo visto addosso ai nostri nonni, gli occhiali progressivi non sono antiestetici: non è presente infatti quella frattura tra una lente e l’altra, che dona l’effetto “finestrella”.
La scelta di un occhiale è molto delicata; perciò è necessario sempre rivolgersi a un professionista, che sappia guidarci e consigliarci in modo ottimale.

Centro ottica Iperottica

Iperottica è sinonimo di qualità. Nei nostri punti vendita troverai solo il meglio dell’offerta di settore al miglior prezzo. La nostra professionalità è a tua completa disposizione. Ti aspettiamo a trovarci!

15% di sconto

SE TI ISCRIVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER...!

Spendibile solo online.